labbra

La realtà desiderata

La realtà desiderata che non si compie porta con sé  un messaggio. Il Rispetto c’entra qualcosa?

Che dire quando nella professione i clienti mandano a monte appuntamenti e pagamenti?

Che si nasconde dietro le mancanze dell’altro nei nostri confronti? Perché le cose pur svolte secondo i giusti parametri non danno i risultati attesi?

L’equazione secondo la quale la realtà esterna ci rimanda come uno specchio il frutto dei nostri pensieri e delle nostre azioni, può avere risultati negativi di forte impatto ma che in assenza di consapevolezza non riusciamo a spiegarci.

La mancanza di rispetto ad esempio è divenuta la nuova norma su cui si fonda la manifestazione della distorsione ed ognuno vede quella altrui senza realizzare la propria…

E’ divenuta normale prassi sguazzare in una “autonomia comportamentale” che non tiene conto delle naturali modalità di interazione con l’altro e quindi neanche del rispetto. Persino chi si fa garante di un’etica comportamentale lo fa imponendo i suoi modi ed una malcelata arroganza. Il risultato è che quanto ci circonda risulta essere profondamente alterato.

In campo lavorativo questo guazzabuglio mescola il professionista ed il ciarlatano, nelle relazioni consente un libero arbitrio che fruttifica in palchi (corna) bagnati di lacrime, nelle amicizie impedisce di distinguere l’amico dall’adulatore.

Nell’ambiente questo addormentamento della coscienza copre come una coperta immonda la bellezza e l’abbondanza della terra.

Come possiamo incidere su questa realtà che ci dispiace e farla convergere con le nostre aspirazioni?uovo

Innanzitutto partendo da noi stessi cominciando dalla base… Chiediamoci se noi per primi ci rispettiamo quando avveleniamo il nostro corpo con le sigarette, i ripetuti caffè, il cibo-spazzatura ed iniziamo da qui.

Neghiamoci la sigaretta in più, prendiamo un caffè in meno… Ogni volta che arriva l’impulso a compiere l’azione che ci danneggia (ed ognuno ha la sua), rinunciamo dicendoci: Io mi rispetto.

Se riusciamo a dare spazio a questo vocabolo nella nostra mente esso radicherà nel cuore, vivificando l’azione.

Nelle mani diverrà una chiave magica con cui aprire il forziere delle ricchezze che ci attendono: amore, abbondanza, gratitudine, condivisione, realizzazione, successo, armonia…

L’Erba Voglio cresce nel campo del Re: colui che riesce a gestire le inclinazioni inferiori