Inner_game

L’Inner Game: il Gioco Interiore. Seconda Parte

The Inner Game of Tennis. Questo è il nome del libro con cui negli anni ’70 Tim Gallwey, professore universitario ad Harvard ed istruttore di tennis, riscosse uno straordinario successo e pose le basi del Coaching.

La sua frase: “L’avversario che si nasconde nella nostra mente è molto più forte di quello che troviamo dall’altra parte della rete” rispecchia la presa in carico del concetto dell’Inner Game a fondamento di un metodo, il Coaching, proteso a liberare l’individuo dalle strutture mentali limitanti, ed a favorire l’emergere della migliore espressione delle sue potenzialità.

Il successo del Coaching non solo in ambito sportivo, ma oggi in tutte le aree di vita, si è reso possibile in virtù dei principi umanistici che lo caratterizzano – la cui traccia è patrimonio della sapienza umana da antiche epoche-, unitamente ad un orientamento pragmatico volto ai risultati.

inner_gameL’Inner Game è la traduzione moderna di una lontanissima ricerca da parte del genere umano (o almeno e fortunatamente, parte di esso), della capacità di espressione più veritiera del bene e del bello in pensieri ed azioni, in virtù della capacità di gestione delle risorse umane mentali ed emotive.

A questo fine la Filosofia Perenne si adopera da sempre, chiarendo come l’essere umano sia compenetrato dai principi opposti di bene e male, ed indica come può essere concepito il lavoro su se stessi a partire dall’ottimizzazione dello stato mentale, per arrivare ad una compiutezza di espressione che porti felicità e significato.

Operare sul pensiero al fine di restituirgli carica magnetica positiva, e potente capacità creativa, è quindi un’attività a cui l’essere senziente si dedica da tempi remoti e che oggi può essere ricondotta alla moderna definizione di Inner Game.

Nel Coaching Magnetico questo processo è corroborato e velocizzato dai risultati immediati di tecniche energetiche, in grado di acquietare la mente e vivificare l’attenzione senza sforzo da parte del cliente e che lo conducono naturalmente, verso l’applicazione dei principi in grado di beneficare la propria esistenza.